La CLN 2 potrebbe presto essere la prima forma di Ceroidolipofuscinosi inserita nello Screening Neonatale

Un nuovo esame del sangue secco può essere un metodo affidabile e rapido per ottenere una diagnosi iniziale di malattia di Batten tardiva infantile, recenti ricerche lo dimostrano.
Lo studio, “Validità di un rapido e semplice tripeptididil peptidase 1 (TPP1) utilizzando campioni di sangue secco per diagnosticare la malattia di CLN2”,è stato pubblicato sulla rivista Clinica Chimica Acta.
Una diagnosi tempestiva della malattia di Batten tardiva infantile, nota anche come Ceroidlipofuscinosi Neuronale (CLN2), è diventata ancora più importante ora che la prima terapia sostitutiva enzimatica (ERT) – Brineura di Biomarin – è stato approvato per rallentare la progressione della malattia.
Secondo i ricercatori, questo trattamento può avere un impatto significativo solo se dato presto, prima che si sia verificata una distruzione significativa del tessuto cerebrale. Come tale, è in discussione anche l’inclusione della malattia di CLN2 nei programmi di screening neonatale.
I ricercatori del Center for Diagnostics e della NCL Clinic dell’University Medical Center Eppendorf (UKE), Amburgo, Germania, hanno collaborato allo sviluppo di un test diagnostico rapido e conveniente per la malattia di CLN2.
Il loro studio è in grado di misurare l’attività del tripeptidyl peptidase 1 (TPP1) e della proteina palmitoyl thio7estera1 (PPT1),gli enzimi carenti nella malattia di CLN2 e CLN1.
Il test viene eseguito su macchie di sangue essiccato (DBS), un metodo di campionamento facile da fare in cui un piccolo campione di sangue viene prelevato e portato su carta da filtro. Dopo, se necessario, può essere spedito per l’analisi per posta ordinaria. I DBS sono ampiamente utilizzati per lo screening neonatale, dove è comunemente conosciuto come il test del tallone.
Il nuovo studio utilizza un metodo basato sulla fluorescenza per quantificare i livelli di attività degli enzimi nei DBS.
In questo studio, i ricercatori hanno cercato di testare l’affidabilità del loro test per rilevare la malattia di CLN2 in campioni umani.
Hanno esaminato un gran numero di DBS da pazienti sospettati di avere la malattia di Batten, e visti presso la clinica NCL specializzata UKE per oltre 12 anni.
Per essere sicuri della qualità dei campioni, è stata inclusa l’attività di altri due enzimi, tra cui PPT1 (cln1).
Tra 3.883 DBS verificati, 50 campioni con un’attività TPP1 inferiore al normale sono stati selezionati sulla base di una buona qualità del campione e di sufficienti informazioni cliniche dei pazienti.
Tutti i 50 pazienti identificati dal test hanno confrontato una chiara diagnosi della malattia di CLN2 con sintomi documentati della malattia e test genetici positivi per mutazioni che causano malattie all’interno del gene TPP1.
Di questi, 43 pazienti hanno avuto una manifestazione classica della malattia con i primi sintomi che appaiono prima dei quattro anni; 7 avevano un decorso atipico della malattia, con esordio successivo e deterioramento neurologico più lento.
Anche se la sensibilità del test non poteva essere affrontata da questo studio, i ricercatori dicono “ci sono forti prove circostanziali che la sensibilità è alta.”
Essi sostengono che la loro istituzione (la Clinica NCL) è un importante centro di riferimento per le malattie degenerative infantili.
Nel periodo di 12 anni di questo studio il laboratorio ha comunicato i risultati normali dell’attività TPP1 per più di 3.800 campioni. Finora, non hanno mai saputo di un paziente che ha testato normale sul test DBS e in seguito è stato diagnosticato con la malattia di CLN2.
Inoltre, non hanno alcuna conoscenza dei risultati contraddittori tra i loro studi di test e ezimatici nelle cellule dei pazienti o nei test genetici.
Alla luce di questi risultati, il ricercatore considera il loro test “uno strumento affidabile, conveniente e poco costoso per un primo passaggio diagnostico nella sospetta malattia di CLN2.”
Inoltre, poiché il campionamento DBS è stato ampiamente utilizzato per esaminare i neonati alla ricerca di malattie congenite, il nuovo test può anche essere modificato per ospitare un migliore screening neonatale della malattia CLN2, ha osservato il team.
Questo e altri approcci possono diventare decisivi per raggiungere una diagnosi e iniziare fin da un dato di fatto l’ERT, con risultati potenzialmente migliori per i pazienti.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: