CLN6 – Dopo 2 anni di sperimentazione con terapia genica i risultati sono promettenti

Secondo i dati intermedi di uno studio clinico di fase 1/2, due anni dopo il trattamento, la terapia genica sperimentale AT-GTX-501 ha stabilizzato la funzione motoria e del linguaggio nei bambini con la variante tardiva infantile 6 della Ceroidolipofuscinosi neuronale, nota anche come malattia di Batten CLN6,

Lo studio in corso (NCT02725580) sta valutando la sicurezza e l’efficacia della terapia, di un’iniezione una tantum  nel canale spinale (intratecale), in pazienti con Batten CLN6 di età pari o superiore a 1 anno che sono in grado di camminare con assistenza.

AT-GTX-501 utilizza un virus adeno-associato (AAV) inattivato, come veicolo per fornire una copia funzionale del gene CLN6 che è mutato nelle persone affette da malattia e causa l’accumulo tossico di depositi chiamati lipofuscine, in particolare nelle cellule del sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale).

“Siamo lieti di condividere questi dati clinici provvisori positivi per la nostra terapia genica AAV intratecale con la comunità CLN6”, ha detto in un comunicato stampa Jeff Castelli, PhD, Chief Development Officer di Amicus Therpeutics. “Questi dati continuano a suggerire che la nostra terapia genica ha il potenziale per essere un’opzione di trattamento per i bambini che vivono con la malattia di Batten CLN6”.

I risultati sono stati recentemente presentati – 16 ° Congresso Internazionale di Neurologia Infantile e 49 ° Meeting Annuale della Società di Neurologia Infantile – come un poster virtuale intitolato “Il trasferimento del gene AAV9-CLN6 a dose singola stabilizza la funzione motoria e del linguaggio nella variante della Ceroidolipofuscinosi Neuronale infantile 6 (vLINCL6) variante tardiva: risultati provvisori dal primo studio clinico di terapia genica”,

Dopo aver ricevuto AT-GTX-501, i pazienti sono tornati per le visite cliniche nei giorni 7, 14, 21 e 30 e poi ogni tre mesi fino a 24 mesi.

La progressione della malattia è stata monitorata dai cambiamenti nei punteggi della scala Hamburg Motor & Language (HML), una misura della mobilità e delle difficoltà di linguaggio, con una scala combinata da zero a sei. I punteggi più bassi riflettono una disabilità più grave.

La valutazione di 12 pazienti a 12 mesi ha mostrato che il tasso medio di declino era di 0,4 punti, rispetto a un calo di 1,2 punti in 16 pazienti di un gruppo derivato da un precedente studio di storia naturale della malattia CLN6 (NCT03285425).

Dopo 24 mesi, i dati erano disponibili per 8 pazienti, che mostravano un tasso medio di declino di 0,6 contro i 2,4 punti del gruppo di storia naturale della malattia.

Di questi 8 pazienti: 1 paziente (12,5%) ha dimostrato un aumento del punteggio aggregato HML maggiore di uno, 2 pazienti (25%) non hanno avuto variazioni del punteggio, 4 pazienti (50%) hanno mostrato una diminuzione di un punto e 1 paziente (12,5%) è sceso più di due punti.

Al contrario, 6 dei 16 partecipanti del gruppo di storia naturale hanno avuto una diminuzione dell’HML di un punto e i restanti 10 (62,5%) hanno avuto una diminuzione di più di due punti.

“Rimango soddisfatta dei progressi di questo studio e della nostra raccolta di dati sulla storia naturale della malattia per comunicare ulteriormente i risultati della terapia genica AAV-CLN6. I risultati intermedi mostrano che questa terapia genica sperimentale ha il potenziale per rallentare la progressione della malattia neurologica nei bambini con malattia di Batten CLN6″,  ha affermato Emily de los Reyes, MD, PhD, ricercatrice principale dello studio e professore di pediatria clinica e neurologia presso l’Ohio State University College of Medicine.

Per 13 pazienti erano disponibili dati temporanei sulla sicurezza, che hanno dimostrato che AT-GTX-501 era generalmente ben tollerato. Eventi avversi gravi sono stati riportati in cinque pazienti, quattro dei quali sono stati considerati correlati al trattamento, inclusi vomito, febbre e dolore addominale superiore. Tutti e quattro si sono ripresi e non c’erano altri casi di eventi avversi correlati al veicolo AAV o una risposta immunitaria anti-CLN6.

I partecipanti che completano questo studio hanno la possibilità di partecipare a uno studio di follow-up a lungo termine (NCT04273243) che è stato aperto a gennaio e durerà fino al 2035.

AT-GTX-501 ha ottenuto la designazione di malattia pediatrica rara e farmaco orfano dalla Food and Drug Administration statunitense (FDA), dall’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha la denominazione di medicinale PRIME e di medicinale orfano. Queste nomine forniscono incentivi e risorse per incoraggiare lo sviluppo di terapie incentrate sulle malattie con poche opzioni di trattamento.

Amicus Therapeutics si aspetta una valutazione su AT-GTX-501 dalle Agenzie di Regolamentazione nel 2021.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: